lunedì 12 novembre 2007

Uallessere : Sabato notte a Napoli centro

la vita presenta conti salatissimi...
Ho visto un vecchio di 90 anni talmente solo da aspettare con trepidazione il sabato notte per affacciarsi al suo balcone e lanciare acqua addosso ai giovani rumorosi che si riuniscono, schiamazzando, nella piazzetta dell' orientale, proprio sotto casa sua. Malgrado fossero le due di notte e lui si lamentasse del fatto di non poter dormire a causa dei rumori molesti, l'anziano vendicatore della quiete notturna aveva una tenuta tutt'altro che da riposo. Era vestito di tutto punto e pettinato come se avesse dovuto cenare fuori, mentre dalla sua finestra si esibiva davanti alla platea dei suoi non si sa quanto involontari spettatori in uno show frenetico a base di bestemmie ed anatemi rivolti ad una gioventù sempre più diversa da quella dei suoi giorni più luminosi. Chissà da quanto tempo non aveva occasione di interagire con qualcuno.

10 commenti:

peppe ha detto...

dopo un sacco di stronzate(peraltro divertentissime e gradite, da me e da tutti), un post stranamente serio. la scena che descrivi mi ricorda Ciccio Ingrassia in Amarcord di Fellini... tristissima. inultile aggiungere altro, se non che lo spaccato napoletano che offri è veramente amaro.

Kuros ha detto...

Perdonatemi la figura dimmerda, vi avevo messo il link a trashopolis e non avevo salvato. Mo' è tutto apposto.

storie di tamarri ha detto...

è anche per questo che non amo napoli. la trovo una città angusta e selvaggia.

Katanka ha detto...

quel viecchio ero io
fetuffo

Vix ha detto...

Non aspettava altro, ovvio...

MP ha detto...

Una foto del vecchio la potevi mettere...
Tieni proprio la cosiddetta "uallera napoletana"...

scustumato ha detto...

a proposito, visto che ho notato parecchie persone intente a riprendere il tutto con il telefonino, nessuno può inviarmi una foto od un video dell' accaduto? grazie

Anonimo ha detto...

una scena degna de "Il mare non bagna Napoli"

Eu ha detto...

uà, quando facetti l'erasmus a barcellona anche lì c'erano i viecchi che la notte buttavano le secchiate di acqua alle genti a loro volta buttate per strada nel Raval

Goffredo Anolone ha detto...

Speriamo di non finiscere come quel viecchio, ma di finiscere e basta.